Bank of America, come alimentare la community offline e online

La nuova campagna di comunicazione lanciata da Bank of America negli Stati Uniti, che Twitter stesso ci segnala, è un esempio stupefacente di come pubblicità offline e online dovrebbero essere integrate per dare maggiore eco l’una all’altra. Con lo slogan “Life’s better when you’re connected”, l’istituto bancario punta sul valore della condivisione, giocando sul doppio senso della parola: da una parte connessione e condivisione online, dall’altra la connettività, il fare rete nel tessuto sociale. L’istituto sovvenziona infatti un gruppo di organizzazioni non-profit, tutte community-based, ovvero orientate a dare sostegno alle fascie più deboli della società attraverso programmi di sostegno e integrazione.

Concetti come comunità, connessione, rete, si spostano quindi dal mondo offline a quello online. Su Twitter, l’account @BofA_Community racconta le attività di una rete di soggetti che agiscono localmente: connettiti e guarda online cosa succede attorno a te.
L’ultimo (e più eclatante passaggio) avviene quando gli account Twitter delle ONG, compaiono a rotazione nello spazio pubblicitario luminoso di Bank of America a Times Square: il classico “per saperne di più” rimanda non agli account ufficiali della banca, ma a quelli delle organizzazioni che formano la community, offline e online. Tra venerdì e sabato scorso l’hashtag #timessquare si è popolato di foto e di mentions Bank of America (all’account @BofA_Community o tramite l’hashtag #BofA).

Il cerchio si chiude: un circolo virtuoso da cui molte aziende possono trarre qualche utile suggerimento. Vediamo quali:

- integrare comunicazione nel mondo reale e in quello virtuale: raccontare perché vale la pena di connettersi, incentivare l’uso dei social, mettendone in scena i vantaggi.

- fare community a livello locale, sul territorio.

- riportare online la stessa community creata offline, dando respiro globale.

- dare visibilità alle iniziative che coinvolgono la community, i partner, i consumatori, che si sentiranno sempre più incentivati a partecipare e a condividere.

- monitorare e osservare i movimenti della community per alimentarla sempre più cogliendone ogni richiesta, ogni spunto.